Pianta medicinale tutto quello che devi sapere prima di usarla

Pianta medicinale tutto quello che devi sapere prima di usarla

Piante medicinale – Se ti stai chiedendo quando una pianta si definisce medicinale e se pensi che sia un sinonimo di officinale, beh sei atterrato sulla pagina giusta.

Qui ti spiego la differenza tra pianta medicinale e pianta officinale, ti introduco al senso della loro raccolta e all’importanza di conoscere alcuni termini (tempo balsamico ad esempio) per scegliere ed utilizzare un buon prodotto. Ecco una breve introduzione – e relativi approfondimenti – per conoscere questo portento della natura.
In questo blog parliamo, tendenzialmente, di alcune piante inserite anche nella Farmacopea europea. Prima di addentrarci nelle caratteristiche e particolarità di alcune piante facciamo chiarezza sulla terminologia.

Piante medicinali e piante officinali – quale è la differenza?

Pianta medicinale: si tratta di una pianta che ha una comprovata proprietà terapeutica

Piana officinale: sono le piante medicinali e le piante aromatiche (ovvero quelle che hanno oli essenziali profumati) e le piante che vengono utilizzate anche in ambiti alimentari e cosmetici. Ricordiamoci che le piante possono essere utilizzate per finalità diverse a quelle propriamente terapeutiche. Possono avere lo scopo di colorare, emulsionare, profumare e molti altri ancora.

Esistono diversi elenchi di piante, eseguiti in diverso modo a seconda degli scopi.
Le piante possono essere catalogate in un elenco alfabetico (per comodità dei più semplici sistemi di ricerca), in un elenco caratterizzato dal principio attivo della pianta (elenco che si basa su aspetti fitochimici), oppure in base alle proprietà curative della pianta (si da priorità alle caratteristiche farmacologiche).

La pianta medicinale e il suo tempo balsamico

Quando scegli una pianta medicinale è importante che tu possa conoscere il tempo balsamico e chiedere se esso è stato rispettato durante la raccolta.

Il tempo balsamico è il momento in cui il principio attivo della pianta è massimo. E’ questo il tempo migliore per la raccolta di una particolare parte di pianta. Il tempo balsamico dipende dal tipo di pianta, dal ciclo vitale in cui si trova la pianta medicinale (fioritura ad esempio), da condizioni climatiche e – a volte – anche dagli orari del giorno.

Cosa si intende per droga in botanica

Per droga si intende una parte di pianta secca che viene utilizzata in campo farmaceutico, cosmetico, alimentare. E’ divertente poter trovare, anche in botanica, qualche misunderstanding – malinteso – linguistico. Droga, nel caso della pianta medicinale, sembra derivare dall’olandese droog che significa secco.

La pianta medicinale e la provenienza

Altro punto importante su cui puoi indagare con il farmacista, erborista, negozio è la provenienza della pianta.

Anticamente si raccoglievano le piante vicine, generalmente si trattava di piante medicinali che nascevano spontanee nelle zone limitrofe.
I tempi sono sicuramente cambiati e ad oggi è difficile che vengano utilizzate le piante medicinali che nascono spontaneamente.

Se raccogli piante spontanee perché le conosci perfettamente e le utilizzi correttamente, per favore seminale nuovamente.

Richiedere la provenienza della pianta è importante per conoscere anche il grado di inquinamento che ha dovuto sopportare. Molte piante sono coltivate in luoghi in cui la manodopera costa poco. Per la tutela del principio attivo, le piante medicinali, necessitano spesso della raccolta a mano. In molti paesi dove la manodopera ha un costo basso ci possono essere fattori inquinanti come metalli pesanti che compromettono la bontà della pianta. Le piante hanno una forte capacità di assorbimento di inquinanti e possono verificarsi problemi sulla bontà del cibo, dei cosmetici, dei farmaci.

Il botanico, perchè è bene conoscerlo

E’ bene che tu conosca il nome botanico della pianta medicinale. Perché sapere quel nome astruso e apparentemente obsoleto? Perché ci sono piante molto simili, con nome simili, forma simile e composti diversi. Essere simili non significa avere le stesse componenti e potresti trovarti in difficoltà. Raccogliere da solo le piante è pericoloso, si rischia l’avvelenamento.

Se chiedi a esperti una pianta con il suo nome generico potresti riceverne un tipo con principi attivi diversi.

Piante medicinali nuove e la necessità di studi approfonditi

Ti invito ad affidarti ad esperti quando scegli di consumare una pianta medicinale. Esistono continui studi nel campo delle piante. Si scoprono nuove funzioni terapeutiche, curative, ma anche nuove piante. Basta pensare alla globalizzazione: come effetto ha portato in Italia molte piante “nuove”, tendenzialmente è bene considerare che le piante possono avere effetti tossici. Tali effetti potrebbero presentare in modo diverso in ogni soggetto e soprattutto in forma non “esplosiva”, cosa che se è un bene, ma di contro non ci permette di comprendere subito la totalità degli effetti negativi di una pianta.

E’ sempre bene assicurarsi che una pianta medicinale – poco usata in passato – sia stata sufficientemente sperimentata e analizzata dagli esperti con il giusto tempo.

 

Aromaterapia benefici 11 giovamenti per corpo e psiche

Aromaterapia benefici 11 giovamenti per corpo e psiche

Aromaterapia benefici a livello fisico, psicologico, energetico.

Chi ha già lavorato su se stesso con gli oli essenziali, sa bene di cosa parlo. L’aromaterapia è la via profumata per rafforzare il nostro organismo, placare i pensieri più turbolenti, permettersi un sorriso in più anche nel giorno maggiormente nuvoloso.

Voglio darti una spiegazione operativa sui benefici dell’aromaterapia e ho deciso di farlo donandoti pratici esempi di come utilizzare l’aromaterapia per il benessere.

11 benefici dell’aromaterapia per il tuo corpo e la tua psiche

Aromaterapia per il corpo

  1. Amare il proprio viso anche quando l’età avanza inesorabile.
    Uno dei maggiori benefici dell’aromaterapia è farti amare il tuo corpo, incluso il tempo che è straordinariamente segnato sul tuo viso. L’aromaterapia ti permette di migliorare l’aspetto del tuo viso, rimpolpandolo, aiutando la rigenerazione cellulare e allo stesso tempo facendoti amare il vero te, con la tua meravigliosa età.Oli essenziali per rughe profonde, il trattamento giorno
  2. L’aromaterapia è un alleato nella sanificazione.
    L’aromaterapia aiuta a tenere lontani
    virus e batteri nocivi.
    Molti oli essenziali sono antivirali e antibatterici.
    Puoi creare prodotti erboristici igienizzanti per le mani a base di oli essenziali, così come puoi combattere la micosi delle unghie grazie agli oli essenziali.Qui puoi trovare il procedimento per autoprodurre un Igienizzante mani spray a base di oli essenziali
  3. Sintomi influenzali tosse e raffreddore.
    Il profumo di Eucalipto ti dice qualcosa? Si, lo so che ti tornano alla mente tanti prodotti più o meno naturali. Io ho scelto di utilizzare l’aromaterapia e gli oli essenziali puri per scongiurare, contenere e combattere tosse e raffreddore.Ecco a te suggerimenti pratici per contrastare tosse e raffreddore con l’aromaterapia:
    Olio essenziale di eucalipto per suffumigi e inalazioni – 3 ricette pratiche.
  4. Combattere il grasso corporeo con i benefici dell’aromaterapia
    Alcuni oli essenziali aiutano a sciogliere i grassi e a combattere la cellulite. Possono essere utilizzati in bagni, in oli da massaggio e per inalazione.Mi è venuto il desiderio di sentire il profumo degli oli essenziali adatti al dimagrimento, ti fai avanti anche tu?
    Massaggio anticellulite fai da te
    Bagno caldo per dimagrire
  5. Combattere le infiammazioni.
    Soffri di cistite? Ecco che torniamo sulla capacità che hanno gli oli essenziali di placare e prevenire le infezioni, mantenendo un buono stato di benessere del nostro corpo.Cistite e tea tree oil 

    Aromaterapia per la psiche senza tralasciare il corpo

  6. L’aromaterapia si prende cura di te in tutti gli aspetti della tua vita: vene varicose, emorroidi, tensioni, tristezza e sintomi premestruali.Hai notato che ci sono alcuni oli essenziali che curano tutti questi segnali? L’aromaterapia agisce su più fronti, ne è un grande esempio l’olio essenziale di geranio.
    “Vene Varicose, Geranio” 
    “Presente” disse il Geranio
    “Depressione Premestruale”
    Il Geranio alzò la mano: “Partecipo anche io a riattivare il buon umore di donne e ragazze.”
    “Emorroidi” Il Geranio di nuovo si rimboccò le maniche.
    Si perché l’aromaterapia ci fa scoprire che c’è un filo che lega tutte le parti del nostro organismo e abbraccia la psiche. Mentre tu pensi di far agire un olio essenziale solo su di un livello, lui ti sorprende aiutandoti in moltissimi ambiti.Depressione premestruale
    Vene varicose i benefici che può apportare l’aromaterapia
  7. Gli oli essenziali donano benefici al tuo stato d’animo.
    Se sei dubbioso prova semplicemente ad inalare qualche goccia di olio essenziale di arancio. Dimmi se non senti che la gioia, vivace come il colore del frutto, sta entrando dentro te.Con l’aromaterapia puoi contrastare l’apatia
    affrontare i diversi tipi di stress grazie al massaggio
  8. L’aromaterapia ti aiuta dopo il parto.
    Eh si cara mamma, non devi certo farti venire i sensi di colpa se sei stanca e non riesci ad esprimere quella gioia che c’è. Che tu sia la neomamma, o una persona a lei vicina, è bene sapere come abbracciare la depressione. Accogliere ogni stato d’animo significa donarsi la possibilità di scoprire un nuovo equilibrio e ritrovare il benessere.Aromaterapia e depressione post-parto
  9. Aprire i vecchi cassetti lasciati chiusi per troppo tempo.
    L’effetto riequilibrante del Gelsomino è uno solo degli esempi degli effetti benefici dell’aromaterapia. I profumi degli oli essenziali riescono a coinvolgere anche la sfera sentimentale, studi sul gelsomino affermano la sua capacità di aiutare le persone a superare vecchi traumi irrisoli.Olio essenziale di gelsomino benefici e precauzioni d’uso
  10. Alcuni oli essenziali hanno caratteristiche apparentemente contrastanti, ma è solo segno di grande intelligenza.
    La lavanda, ad esempio, ha il potere di euforizzare e di contrastare la depressione. Come è possibile? E’ possibile perché l’olio essenziale di lavanda è adattogeno e riequilibrante. Potere che esercita sia sull’umore che sulla pelle, infatti la lavanda è valida sia per curare la pelle grassa che per curare la pelle secca.Olio essenziale di lavanda per uso esterno
  11. L’aromaterapia è in grado di solleticare la creatività.
    Creatività, libertà di pensiero o, all’opposto, fermezza e focalizzazione, possono essere stimolati con l’aromaterapia.
Olio essenziale di timo timolo proprietà usi e raccomandazioni

Olio essenziale di timo timolo proprietà usi e raccomandazioni

Olio essenziale di timo proprietà di questo piccolo grande cespuglio.
Eih se soffri di crisi epilettiche stanne alla larga.

Thymus vulgaris ct Timolo 

Il timo è un piccolo-grande cespuglio dell’area mediterranea. Può raggiungere 30 centimetri di altezza. Stupisce con i suoi fiori rosa minuti. L’olio essenziale si ricava sia dalle foglie che dai fiori.

Ecco a te le principali proprietà dell’olio essenziale di timo timolo

  • Antibatterico, è uno degli oli essenziali maggiormente attivi e pronti a combattere i batteri, per tale motivo è utile contro le infezioni delle vie urinarie, dell’intestino e del sistema respiratorio. Riesce a combattere enterococchi, stafilococchi, streptococchi, pneumococchi …
  • Favorisce la digestione e contrasta la formazione di gas intestinali.
  • Contrasta i dolori di artrite, reumatici, strappi muscolari e contusioni
  • Il timo è in grado di rendere più fluido il catarro. Contrastare le congestioni del cavo orale. Pertosse, bronchite, tosse, raffreddamento possono essere sconfitte con l’olio essenziale di timo. Stessa cosa vale per l’otite.
  • Stimola o rilassa in base alle necessità del nostro organismo
  • Elimina i parassiti dalla nostra pelle, ad esempio i pidocchi

Precauzioni d’’uso del timo timolo

Assicurati di non utilizzare mai l’olio essenziale di timo timolo non diluito.
Questo olio essenziale è molto potente e va utilizzalo con estrema cautela consultando il tuo erborista.
Non utilizzare questo olio essenziale in gravidanza e in allattamento, se soffri di crisi epilettiche stanne alla larga, utilizzalo solo se sei una persona adulta.

Arancio amaro proprietà

Arancio amaro proprietà

Arancio amaro proprietà di questo profumatissimo olio essenziale. E’ un olio essenziale largamente conosciuto ed utilizzato.

Arancio amaro proprietà per la bellezza e la cura del corpo

L’olio essenziale di arancio amaro ha ottime proprietà per regolare pelli grasse e pelli miste, ma non solo:

  • Stimola la formazione del collagene è ottimo, quindi, per donare elasticità alla pelle. E’ un valdio antirughe, aiuta il ricambio cellulare
  • Stimola la digestione
  • Stimola la circolazione sanguigna
  • Ha proprietà bruciagrassi
  • Contrasta l’inestetismo della cellulite molle e della classica buccia di arancia
  • Favorisce il senso di sazietà
  • Cura l’insonnia
  • Favorisce i pensieri positivi

Arancio amaro le proprietà nel campo emozionale

L’olio essenziale di arancio amaro contrasta lo stress, rilassa e allontana l’ansia. Porta gioia e voglia di fare allontanando le paure. E’ indicato quando si vuole ritrovare se stessi e quando ci si vuole allontanare da stati di apatia e pessimismo.

Controindicazioni dell’olio essenziale di arancio amaro

Si tratta di un’essenza agrumata ed è quindi fototossico (significa che non devi usarlo prima dell’esposizione al sole). Per atale motivo, nonostante le sue tante proprietà spesso non lo inserisco in ricette estive.

E’ sconsigliato anche in chi è predisosto ad ulcere e gastrite. Questo olio essenziale è estratto dalla buccia dell’arancio.

 

Essenze naturali antivirali

Essenze naturali antivirali

Essenze naturali antivirali – in questa pagina puoi scoprire quali sono gli oli essenziali noti per le proprietà antivirali e i metodi pratici di utilizzo.

Introduzione alle essenze naturali antivirali contro virus e ultravirus.

Gli oli essenziali puri hanno proprietà antibatteriche, antisettiche e anche antivirali.
Determinati oli essenziali o una miscela di oli combattono virus con notevole successo. Scegliete i migliori oli essenziali puri al 100%.
I medici riportano moltissimi casi di guarigione con le essenze naturali antivirali usate contro virus che generano influenza, febbre. Gli studi attestano il grande aiuto degli oli essenziali anche nella lotta contro gli ultravirus ovvero tutti quei germi di piccole dimensioni in grado di attraversare i filtri del nostro organismo che generalmente riescono a proteggerci.

Quali sono gli oli essenziali antivirali, la tabella.

In questa tabella puoi trovare le principali essenze con azione antivirale. La tabella evidenza se gli oli essenziali sono anche antibiotici.

[table id=3 /]

Approfondimenti sulle essenze antivirali presenti nella tua cucina.

Forse non sai quante proprietà hanno i bulbi come aglio e cipolla, oppure le profumate stecche di cannella. La natura oltre a rendere gustose tante ricette, ti sta regalando proprietà benefiche molto importanti. Diventa consapevole e scegli di alimentarti in salute.

Aglio essenza antivirale, antisettica, antibiotica.

L’aglio contiene principi antibiotici, ha una potente azione sullo stafilococco, contiene glucoside solforato, olio volatile,  zolfo, iodio, silice..

L’aglio è utilizzato poco sotto forma di olio essenziale, è molto utilizzato in cucina.

E’ la presenza dell’allicina a dare all’aglio proprietà antibatteriche e antivirali. Oltre ad essere antivirale l’aglio è funzionale al sistema cardiovascolare.

Ad uso interno l’aglio ha le seguenti funzioni:

  • Antisettico intestinale e polmonare
  • Battericida
  • Stimolante la digestione
  • Stimola l’apparato circolatorio
  • Diuretico
  • Combatte l’artrite
  • Vermifugo
  • Antiinfluenzale
  • Sono presenti studi sulla correlazione tra uso dell’aglio e prevenzione del cancro

Ad uso esterno l’aglio ha le seguenti funzioni

  • Cicatrizzante per piaghe e ferite
  • Antiparassitario
  • Analgesico
  • Azione tonificante

Cannella, antivirale, antibiotica e antisettica

La cannella è tra gli oli essenziali riconosciuti dalla fitoterapia come antivirali. L’olio essenziale di cannella compare tra molti deodoranti per ambienti e dovrebbero essere utilizzati in locali ad alto rischio virale come gli ospedali.

La cannella ad uso interno ha le seguenti proprietà:

  • Anti influenzale
  • Combatte dolori dell’apparato gastrico e flatulenza

La cannella ad uso esterno:

  • Proprietà disinfettanti
  • Combatte le micosi

 

Migliori oli essenziali puri – come riconoscerli.

Migliori oli essenziali puri – come riconoscerli.

Migliori oli essenziali puri – la purezza delle essenze è ciò che dobbiamo pretendere se vogliamo davvero prenderci cura di noi con l’aiuto degli oli essenziali.

Gli oli essenziali puri si ottengono per distillazione a vapore, macerazione, enfleurage, spremitura. E’ dannoso acquistare oli essenziali che non siano puri e che vengano estratti con solventi chimici.

Il grande utilizzo di sostanze profumate ha portato molti ricercatori alla creazione di copie di sintesi degli oli essenziali. Copie che non hanno le stesse azioni terapeutiche e possono essere pericolose.

Le evidenze scientifiche delle proprietà terapeutiche degli oli essenziali puri crescono.

Gli oli essenziali puri hanno proprietà antibatteriche, antisettiche, antivirali, antimicotiche, antinfiammatorie, sedative, carminative, aiutano a gestire le emozioni …

Gli impieghi degli oli essenziali sono innumerevoli, consulta l’indice con le molte ricette pratiche a base di oli essenziali suggerite per farti una idea di quanto aiuto ci viene offerto dalle essenze delle piante.

Gli oli essenziali sono ottimi alleati di terapie antitumorali. Le ricerche e le evidenze scientifiche sul potere curativo degli oli essenziali sono in costante aumento e confermano le conoscenze empiriche dei popoli più antichi.

In particolare numerosi studi sperimentali hanno dimostrato che un gran numero di oli essenziali, misture vegetali volatili, con i loro costituenti sono stati ben caratterizzati in vitro per la loro attività antibatterica, antifungina, antivirale, antiparassitaria e per la loro attività antinfiammatoria e immunostimolante Principalmente l’attività di questi fitoestratti e dei loro componenti è stata dimostrata, soprattutto in vitro, contro batteri multi-resistenti, come Acinetobacter baumannii, Staphylococcus aureus meticillino-resistente (Methicillin-resistant Staphylococcus aureus, MRSA), Mycobacterium tuberculosis, Pseudomonas aeruginosa e/o contro funghi farmaco-resistenti opportunisti (Candida albicans, Cryptococcus neoformans, Aspergillus fumigatus) dimostrando il potenziale notevole di questi prodotti naturali per contrastare lo sviluppo della resistenza microbica agli antibiotici.
La Dott Ssa Francesca Mondello ( ricercatrice del dipartimento di malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità e vice presidente della Società Italiana sulla Ricerca degli Oli Essenziali).

Fonte ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Oli essenziali per la salute dell’uomo e la salvaguardia dell’ambiente A cura di Francesca Mondello , Anna Maria Marella (a), Maria Grazia Bellardi (b) e Maura Di Vito (a) (a) Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie e Immunomediate, Istituto Superiore di Sanità, Roma (b) Dipartimento di Scienze Agrarie, Alma Mater Studiorum, Università di Bologna, Bologna

L’argomento sopracitato è stato trattato negli anni da molti medici, ad esempio Jean Valnet ne parla ampiamente nei suoi trattati.

La capacità curativa degli oli essenziali offre un aiuto totale in molti casi in cui avviene uno sconsiderato sovradosaggio di medicinali inutili e dannosi*, un aiuto sinergico a terapie necessarie alla cura.

* E’ noto che molti farmaci hanno più che rischi che benefici, che esiste un abuso di farmaci sia prescritti che “autoprescritti”.

Tutto questo è vero se si tratta di oli essenziali puri.

Come riconoscere gli oli essenziali puri con l’aiuto dell’etichetta.

Gli oli essenziali puri devono riportare la denominazione “oli essenziali puri”. E’ costante la battaglia che molti medici stanno portando avanti per ottenere una dettagliata regolamentazione che aiuti a standardizzare i metodi di analisi e delle caratteristiche degli oli essenziali.

Tu puoi essere responsabile e scegliere esclusivamente oli essenziali che hanno un’etichetta dedita alla trasparenza.

Sappi che:

  • E’ bene che sia indicato il nome botanico della pianta per distinguerla in modo esatto da altre droghe.
  • E’ bene sapere il chemotipo che ci indica molecola principalmente presente nell’olio essenziale che stiamo utilizzando. La particolare composizione chimica di un determinato olio essenziale è importante a conoscerne la sua azione. La presenza del chemotipo è ulteriore prova di qualità dell’olio essenziale. (Le essenze naturali pure variano la loro composizione anche in base alle caratteristiche del suolo, all’altitudine, alle condizioni climatiche, al momento della raccolta). Contattami per esempi pratici.
  • E’ necessario sapere la parte della pianta utilizzata per l’estrazione dell’olio essenziale (la stessa pianta può offrire diversi oli essenziali con proprietà terapeutiche differenti).
  • Luogo di provenienza della pianta: la qualità degli oli essenziali è molto variabile e tiene conto anche del Paese della coltivazione.
  • Deve essere scritto il metodo di estrazione dell’essenza.
  • Deve essere scritto il metodo di coltivazione della pianta (il metodo biologico o biodinamico è sicuramente preferibile).
  • E’ preferibile utilizzare oli essenziali per uso interno sia per un reale uso interno che per uso esterno.
  • In etichetta deve essere presente il numero di lotto e indicazioni del produttore.

Essenze naturali pure e prezzo.
Non lasciarti tentare da un olio essenziale a basso prezzo, non può essere puro. Non fidarti solo del prezzo alto di un olio essenziale, potrebbe essere costoso, ma non è detto che sia puro.

Ulteriori indizi per la scelta di un olio essenziale puro:

Nessun fornitore serio potrebbe vendere gli oli essenziali di diverse piante allo stesso prezzo. Ogni pianta ha differenti capacità di donare i suoi oli essenziali, la lavanda non può essere venduta allo stesso prezzo dell’olio essenziale di melissa, pianta con minore resa di olio essenziale. La melissa costerà sicuramente molto più della lavanda.

Come puoi controllare la purezza di una essenza, oltre l’etichetta e il prezzo.

Oltre ai controlli sopra descritti puoi fare dei piccoli controlli domestici.
Non lasciarti ingannare dal nome oli essenziali. Gli oli essenziali sono sostanze volatili e nella maggior parte dei casi non sono oleosi. Versa una goccia di olio essenziale su un pezzo di carta assorbente, se non evapora del tutto e lascia un alone oleoso è molto probabile che non si tratta di un olio essenziale puro. Alcuni venditori propongono sul mercato oli essenziali tagliati con oli vegetali. Solo pochi oli essenziali per la loro caratteristica di viscosità potrebbero trarre in inganno.

Altre brutte usanze di alcuni venditori è di tagliare oli essenziali puri particolarmente costosi, con oli essenziali puri di piante meno costose. Una attenta ricerca sul fornitore, una curiosità e conoscenza dei suoi metodi di lavoro può condurti alla scelta di ottimi oli essenziali.